tre

mattina.
non fanno rumore le ciglia che sbatto provando a mettere a fuoco una delle tre finestre – le tre scimmiette– della tua camera: di quale  umore sei oggi? 

[odore di caffè] pesticcío di piedi nudi sul parquet, tra la cucina e la camera le opzioni si assottigliano in fretta.

sbatto veloce giù le ciglia: chiudo gli occhi. 

non so quale -scimmietta vorresti io fossi  stamani-  ma il tuo umore ballerino ancora danza da ieri sera: lo vedo di sbieco arrivare in punta ad una sigaretta accesa con un caffè preparato con l’aria tesa per niente addolcito .

fermo al lato del letto osservi prima – dell’adunata- devo sembrarti un’inerme bambolina di pezza sgonfia dal petto asmatico senza scarpette di umori ballerini.

giaccio nel tuo perimetro e sono l’ospite meno ghiaccio di questo inverno. 

mi offri un buongiorno e credo un sorriso.

Mi scuso: non  so indossare scarpette da punta di primo mattino. 


Artista:Luca Morelli-Le tre verità-olio su  lino,  2014.

7 pensieri riguardo “tre

  1. E’ difficilissimo “indossare scarpette da punta di primo mattino” in determinate circostanze con alcuni uomini che trovano che tutto non è quello che volevano.
    Bello il tuo scrivere. Mi piace davvero.
    🙂
    gb 

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...