la tua fossa


quando ti ho perso con le tue spoglie il mondo  si è ibernato

i mesi hanno fatto da cemento alla massiccia struttura: ogni lutto apre un fronte di dolori .

ho osservato le maniglie del feretro:  legno chiaro levigato . ho pensato al peso, sopportato, da chi ti ha trasportato: eri a spalla di qualcuno che ha fatto presenza solo a tratti nella tua vita . Io  per la prima volta, camminavo  dietro a te incapace di stare nel tuo solco.

la corda ti ha calato nel fosso: poi è  rimasta  lì , incastrata, come a voler tenere congiunte le cose in basso e quelle in alto.

ho affondato le mie mani nel-tuo- cemento:ho lasciato  un saluto impresso vicino al tuo legno ma lontano per entrambe.

sul prato cresciuto sopra i due metri quadrati che ti coprono mi vorrei  stendere e guardare il cielo: insieme.

ti ho omaggiato con le note di una sola  tromba:un “lucean le stelle” come -ritirata-.

l’abbandono più grande non ha niente a che fare con il vuoto:la tua fossa, mi hai reso -piena- di ogni emozione .
Artist:Jean Beraud- after the misdeed- oil

Un pensiero riguardo “la tua fossa

  1. Mi è arrivata tanta, tanta tenerezza.
    Fra questo brano, delicato, intriso di un’umanità e una compassione “calde”, e “-tomia”, abbacinante e sconvolgente nella sua lucida, tagliente – per certi versi distaccata – bellezza, c’è un passaggio… che definirei banalmente di rielaborazione. Una distanza che permette di riavvicinare. Sensazioni e ricordi. Di ricostruirli, in effetti. Prima, il dettaglio di una fotografia ravvicinata e impietosa, un sentire in diretta, reso quasi un osservare passivo dalla portata dell’evento. Ora, il legno, la terra, la corda, infine il cemento e il marmo, e l’erba, introducono un filtro. C’è un percorso. Figuratamente rappresentato in quel viaggio a piedi, seguendo – a fatica – una bara. Un solco, un legno, uno scafo, una scia.
    Lo sguardo muta. Non è più un guardare stordito, sordo all’esterno. Ora è rivolto dentro di sé (al cielo) e canta, racconta. E finalmente piange.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...